Translate

lunedì 7 marzo 2016

Metodo RQI: si tratta di una bufala?


Sono tantissimi i medici che si sono avvicinati al metodo RQI e che ne hanno utilizzato le tecniche con i loro pazienti raggiungendo risultati soddisfacenti.

Proprio per questo, oggi vorremmo offrirvi alcune testimonianze importanti provenienti proprio da coloro che ogni giorno sono a contatto con persone affette da malattie e si dedicano con passione alla loro cura.


Franco, Medico che applica la medicina naturale da oltre 30 anni: 

“Ho conosciuto questo metodo vedendo i 3 video di presentazione attraverso il web. L’ho provato e ho notato la facilità con cui risolvevo determinati problemi. Pur essendo nel settore da tanti anni, ho voluto approfondire frequentando i corsi. Con RQI si riesce a sciogliere quello stress che impedisce al corpo di raggiungere le proprie capacità di auto guarigione. Sono tecniche che ho applicato sui pazienti e che danno risposte rapide, sono molto utili anche per mantenere il proprio stato di salute. E’ un metodo che permette di mantenersi in buona salute ed è anche abbastanza semplice da apprendere.


Cecilia, Medico

“Ho trovato delle soluzioni a delle mie problematiche relative alla consapevolezza. Attraverso questo metodo ho risolto un problema che avevo al collo da parecchio tempo e a cui non trovavo soluzione in alcun modo. In pochi minuti sono riuscita a star meglio e a risolvere. Non è più tornato questo disagio e oltre a questo sono riuscita a risolvere un problema interiore legato alla sfera psicologica. Ho notato un cambiamento in tutta la mia vita, nel mio modo di agire e affrontare la situazione. Quindi c’è stato un salto energetico importante. Lo consiglio a tutti. Questo è stato utile anche nella cura dei miei pazienti per farli star bene non solo fisicamente, ma anche psicologicamente.”


Carla, Medico

“Ho imparato delle tecniche che mi daranno un grande aiuto soprattutto per me e anche per alcuni pazienti.  Sono riuscita ad aiutare una persona cara che aveva un problema fisico molto serio che andava avanti da anni, non controllabile se non con farmaci molto forti, infiltrazioni e tecniche che alleviavano il dolore per poco tempo mantenendolo comunque sempre presente. In particolare, applicando al paziente due tecniche che avevo appreso, sono riuscita a togliergli il dolore fino a farlo scomparire del tutto. Quindi penso che questa sia una testimonianza utile per tutti.”


Reazioni: